To do list: pro e contro

Premetto che sono un’amante delle liste! Facevo, faccio e farò liste per ogni cosa ma in ambito lavorativo questa abitudine ha i suoi pro ed i suoi contro, vediamo quali sono per usare questo strumento in modo ottimale.

Il primo punto è quante voci inserire nella lista. Dobbiamo essere obiettivi sul tempo che ci serve per portare a termine ogni voce perchè se ogni compito ci richiede 2 ore per essere portato a termine non sarà utile creare una lista giornaliera di 6 punti: non riusciremo a portarla a termine e questo nel lungo periodo potrebbe generare frustrazione; ma penso anche alle persone che assegnano i compiti ai propri dipendenti: siate realisti sulle tempistiche. Amo spuntare le voci della lista, se anche per voi è così dividete il blocco di due ore in sottopunti più brevi: a fine giornata avrete la percezione di aver fatto un sacco di cose e questo aumenterà la vostra autostima e la motivazione.

Quali voci si possono inserire? Possiamo inserire tutto! L’ideale sarebbe avere un taccuino sempre a portata di mano per poterci appuntare quello che dobbiamo fare nel momento in cui ci viene in mente: Brain Dump! Successivamente non dobbiamo arrovellarci “dovevo fare una cosa…mi sfugge…non mi ricordo”. In un secondo momento possiamo riorganizzare l’appunto preso divedendolo in lavoro o personale, se ha bisogno di essere calendarizzato oppure possiamo farlo quando voglio, se dobbiamo andare in un luogo specifico ecc.

Che ordine dare alle voci della lista? Non ho dubbi! Eat the frog! Il concetto è stato sviluppato da Brian Tracy partendo da una citazione di Marc Twain “Mangia una rana viva come prima cosa al mattino e niente di peggio potrà capitarti per il resto della giornata”. Cosa si intende? Il primo compito da fare è il più noioso, irritante, quello che rimandiamo in continuazione, che odiamo di più ma che è assolutamente indispensabile compiere (e che spesso, dopo, ci porta a dire “ci voleva tanto?”). Credetemi, dopo aver mangiato la rana tutto scorrerà in modo migliore!
Se ti interessa qui trovi il libro in formato audio, mentre qui trovi quello cartaceo

In realtà il metodo di Tracy è più complesso, ma non voglio dilungarmi ulteriormente, ma se ti interessa questa tematiche o altre collegate commenta questo post!

Se questo articolo ti è piaciuto offrimi un caffè! Mi aiuterai a sostenere il blog!

Condividi su:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *